• Da “Papagenonline”

    GustoCortina: arrivano i Vini Estremi

    Domenica 16 e lunedì 17 giugno 2013 si terrà la seconda edizione di GustoCortina. Golden Moon, società ideatrice dell’evento, con la collaborazione dell’Hotel de la Poste, sede dell’evento, presentano questa vetrina internazionale di eccellenze italiane del turismo e dell’enogastronomia, con un programma denso di convegni e cene a tema, divenuto già importante appuntamento per addetti ai lavori, giornalisti e operatori del settore.
    Durante la prima fortunata edizione, tenutasi lo scorso settembre, Gianluca Bisol aveva annunciato pubblicamente l’amicizia fra Venissa e Vigna 1350, l’ambizioso e apprezzabile progetto – supportato da Golden Moon e Bisol, ideato e realizzato da Fabrizio Zardini, in collaborazione con Francesco Anaclerio – di creare un vigneto a ben 1350 metri d’altezza. “Abbiamo fatto incontrare il vigneto più profondo del mondo, Venissa, con il più elevato d’Europa” spiegava Bisol “ per creare un ponte enologico e culturale che unisca due eccellenze estreme, Venissa e Vigna 1350”.
    Enti, aziende e privati hanno potuto sostenere Vigna 1350 grazie al progetto “Adotta una vite” in cui, adottando un filare o una singola barbatella, è possibile contribuire all’iniziativa, in collaborazione con vari Enti Universitari, che mira a sperimentare tecniche di coltivazione della vite in montagna. E in questa edizione approda una novità assoluta: il Cortina Wine Club Vini Estremi, che permette la scoperta, la conoscenza e la degustazione dei vini, nati da luoghi estremi, del quale fanno parte di diritto tutti coloro che avranno adottato una barbatella di Vigna 1350.
    “Nel 2012 fondare l’associazione Vite in Montagna è stato un modo per raccogliere le numerose risposte ricevute dalla nostra idea di rilanciare la viticoltura di montagna” spiega Fabrizio Zardini “e Cortina Wine Club Vini Estremi ne è la naturale evoluzione. Siamo certi che le numerose attività in programma riusciranno ad offrire numerosi spunti, enologici e non, per una nuova interpretazione di come la montagna possa esprimere i suoi valori anche attraverso l’attività umana.
    “L’idea di qualcosa che ricercasse in Italia e nel mondo i progetti più audaci, nei territori più impensabili relativi alla coltivazione della vite, mi ha subito entusiasmata” racconta Maria Pia Montanari, organizzatrice della kermesse. “Penso che Cortina Wine Club Vini Estremi non si limiti a cercare di soddisfare la curiosità degli addetti ai lavori, ma possa interessare anche un pubblico più vasto, permettendo di conoscere e di assaggiare prodotti altrimenti irraggiungibili”.

    http://papageonline.it/oltre dett.php?id=95