• Incontro Dinner 28 febbraio 2013

    Incontro Dinner – Presentazione GUSTOCORTINA 2013 e Conferenza Stampa

    1 cs 28 febbraioCortina d’Ampezzo, 28 febbraio 2013
    La seconda edizione di GUSTOCORTINA, vetrina internazionale della migliore produzione enogastronomica ed enoturistica italiana, si svolgerà a Cortina d’Ampezzo il 16 e 17 giugno 2013. Sede dell’evento sarà anche quest’anno l’Hotel de la Poste, griffe storica dell’hotellerie ampezzana, che metterà a disposizione degli espositori nuovi e più ampi spazi. Altre location, nel centro di Cortina, verranno coinvolte, per ospitare seminari, degustazioni e appuntamenti culturali che animeranno la manifestazione.
    GUSTOCORTINA 2013 è stato presentato il 28 febbraio dagli organizzatori, Golden Moon e Hotel de la Poste, nel corso di un incontro-dinner svoltosi in una casa privata di Cortina, in linea con lo stile dell’evento che privilegia l’ospitalità e il glamour. Presenti un centinaio di ospiti, fra cui produttori di vini e di specialità gastronomiche, imprenditori del settore turistico e alberghiero e autorità, fra le quali Sabina Zanardi Landi, consorte dell’ambasciatore italiano a Mosca, Antonio Zanardi Landi, che ha riferito dell’interesse e dell’attenzione culturale con cui in Russia guarda alle bellezze, ma anche ai vini e alla gastronomia italiana.
    Quello russo è infatti uno dei mercati – insieme al Far East e ora anche al Nord Europa – a cui GUSTOCORTINA si rivolge, invitando alla manifestazione importatori e operatori di settore. Ma fra gli obiettivi della kermesse c’è anche quello di promuovere le eccellenze enogastronomiche nazionali nel Triveneto e nelle vicine Austria e Slovenia, offrendo al tempo stesso al centro dolomitico l’opportunità di anticipare l’apertura della stagione turistica estiva in un periodo, metà giugno, in cui la conca ampezzana, in piena fioritura, si illumina in un’infinita sinfonia di verdi e di colori.
    L’evento – sottolineano Maria Pia Montanari di Golden Moon e Gherardo Manaigo dell’Hotel de la Poste – si propone inoltre di lanciare Cortina come polo del gusto made in Italy e come capitale della viticoltura eroica, ruolo a cui la candida la presenza di un vigneto sperimentale, il Vigneto 1350, che si trova alla falde del monte Pomagagnon ed è il più alto d’Europa. Durante la presentazione è stata tra l’altro confermata l’alleanza fra il vigneto di Cortina e un altro vigneto estremo, quello di Venissa, impiantato da Gianluca Bisol in un’isoletta della laguna veneta, che è il più profondo d’Europa. E’ stata inoltre annunciata la costituzione, presso l’Hotel de la Poste, del Cortina Wine Club – Vini Estremi, che si pone come obiettivo la scoperta, la conoscenza e la degustazione dei vini prodotti in luoghi estremi e di cui faranno parte di diritto coloro che avranno adottato una barbatella del Vigneto 1350, sostenendo l’innovativo progetto ideato e realizzato da Fabrizio Zardini, di cui fanno parte anche Gianfranco Bisaro, e Francesco Anaclerio, responsabile del Centro Ricerche dei Vivai Cooperativi Rauscedo.
    GUSTOCORTINA 2013, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Cortina, delle Regole d’Ampezzo, della Regione Veneto, di Expo 2015, di VITE IN MONTAGNA, dell’ Università di Cà Foscari e del Master Cibo Vino, si articolerà in tre sezioni: Wine, Food e Travel.
    Nell’area WINE il banco d’assaggio proporrà etichette premiate e riconosciute a livello internazionale ma anche prodotti della viticoltura eroica. Nell’area FOOD verranno presentate le specialità di artigiani del gusto, produttori e selezionatori di eccellenze. Nell’area TRAVEL sarà possibile conoscere le strutture ricettive e i circuiti che in Italia offrono itinerari turistici ed esperienze gourmet più interessanti.
    La manifestazione prevede anche un nutrito programma di seminari, degustazioni ed incontri. E’ previsto ad esempio un seminario sull’OLIO D’ OLIVA con i produttori e con il contributo del professor Roberto Stevanato, docente dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Vi sarà inoltre un approfondimento culturale sul rapporto CIBO-SALUTE secondo le più recenti ricerche, a cura della professoressa Evelina Flachi, specialista in Scienza dell’Alimentazione e membro del Comitato “scuola per Expo 2015” (MIUR), oltre che docente all’università di Milano.
    Fra gli eventi che faranno da corollario al banco d’assaggio, di particolare interesse si annuncia una MOSTRA dei ritratti dei più noti chef italiani ad opera del maestro Renato Missaglia. Sono previste inoltre degustazioni di vino e lezioni di gastronomia, fra le quali un “siparietto” in cui verranno spiegati i segreti del vero pesto genovese, fatto con il pestello e il mortaio.
    La cena di gala, riproponendo un format particolare ed inedito che tanto successo ha avuto nella prima edizione, si svolgerà nella calda atmosfera delle case private di Cortina, in un contesto unico e privilegiato, e sarà animata da chef stellati della zona dolomitica e dai più apprezzati esponenti della cucina d’autore di Cortina. Alcuni di loro – Graziano Prest de Tivoli, Fabio Pompanin di Al Camin, Alessandro Menardi di Baita Fraina, Marco Badalucci dell’Hotel Cristallo, Gianfranco Faustini dell’Hotel de la Poste, Michele Nobile dell’Hotel Ancora, unitamente al maestro pasticcere Cristiano Beduschi – hanno presentato un’anteprima delle loro creazioni durante il dinner del 28 febbraio.
    Alla cena, accompagnata dalle bollicine di Bisol, che assieme a Caterina Dei ha voluto offrire il vino per la serata e che ha presentato il suo best-seller: “Bisol Talento Spumante”, metodo classico brut con etichetta creata dal vincitore del concorso artistico “ Talento cerca Talento”, la famosa donna del vino, Caterina Dei, oltre ad allietare la serata con la sua splendida voce, ha presentato un vino raro e prezioso: il suo “Vinsanto di Monpepulciano. Erano presenti altri noti produttori di vino, che hanno fatto gradito omaggio dei loro apprezzati prodotti (come Cesarini Sforza, Cembra, Poggione, Monterossa, Castelvecchio, Buranco e Res Alta). Sono stati offerti anche ottimi prodotti tipici (tartufi Pasqualin, olio Buonamici e Spagnoletti Zeuli, prodotti ittici di Ferri Delazara) e specialità gastronomiche (tarallucci, scaldatelli ed esuberanti olive di Cerignola di Gerardo Campaniello Cataldo insieme alle meravigliose noci de “La Noce d’Oro” di Giancarlo Potente).

    Scarica il comunicato stampa in formato PDF