• Da “Economia italiana” del 14/05/2013

    GustoCortina crea il Cortina Wine Club – Vini Estremi

    In programma il 16 e il 17 giugno la seconda edizione della kermesse ampezzana

    “Golden Moon”, società ideatrice dell’evento e attiva nella promozione dell’italianità nel mondo, proporrà domenica 16 e lunedì 17 giugno la seconda edizione di “GustoCortina”, con la collaborazione dell’Hotel De La Poste, sede dell’evento: una vetrina internazionale di eccellenze italiane del turismo e dell’enogastronomia.
    Wine, Food, Travel e Winery sono le quattro sezioni in cui si articolerà la manifestazione, importante appuntamento per addetti ai lavori, giornalisti e operatori del settore. Due giornate ricche di degustazioni a tema, cene di gala in prestigiose case private, convegni e tavole rotonde tenute con la collaborazione di rinomati atenei, come l’Università Cattolica del Sacro Cuore, l’Università Ca’ Foscari e del suo Master in Cultura del Cibo e Vino, lo IUAV di Venezia, l’Università di Udine e l’Università di Milano con Evelina Flachi, membro del comitato “Scuola per Expo 2015″.
    “Venissa” sarà una dei principali protagonisti di questa kermesse. A titolo di cronaca, la prima edizione, tenutasi lo scorso settembre, è stata l’occasione per Fabrizio Zardini e Gianluca Bisol di preannunciare pubblicamente l’amicizia fra “Venissa” e “Vigna 1350″, ambizioso e importante progetto supportato da “Golden Moon” e Bisol, e ideato e realizzato da Fabrizio Zardini, in collaborazione con Francesco Anaclerio, che hanno creato un vigneto a ben 1.350 metri d’altezza.
    «Abbiamo fatto incontrare il vigneto più profondo del mondo, “Venissa” appunto, con il più elevato d’Europa – ha spiegato Gianluca Bisol – per creare un ponte enologico e culturale che unisca due eccellenze estreme: è naturale che sia nata questa amicizia speciale».
    Enti, aziende e privati possono sostenere “Vigna 1350″ di Cortina attraverso il progetto “Adotta una vite”: è possibile infatti adottare un filare o una singola barbatella – così viene chiamata la giovane pianta di vite dai tecnici -, acquistando un certificato sul quale saranno riportati numero e posizione, contribuendo così all’iniziativa, che non ha scopo di lucro, ma esclusivamente mira a sperimentare tecniche di coltivazione della vite in montagna, in collaborazione con vari enti universitari. Sulla mappa virtuale posta sul sito www.adottaunavite.it e sulla recinzione del vigneto saranno apposti i nomi degli appassionati che avranno sottoscritto l’adozione e che saranno periodicamente informati sui momenti più importanti della stagione vinicola: una webcam monitorerà in tempo reale il vigneto. “GustoCortina” ha, inoltre, creato il Cortina Wine Club – Vini Estremi, che si pone come obiettivo la scoperta, la conoscenza e la degustazione dei vini, nati da luoghi estremi, del quale fanno parte di diritto tutti coloro che avranno aderito al progetto “Adotta una vite”.
    “GustoCortina” ha già ricevuto il patrocinio dalla Regione Veneto, dal Comune di Cortina, dalle Regole d’Ampezzo, da Expo 2015, da Vite in Montagna, dall’Università Ca’ Foscari di Venezia, dal Master in Cultura del Cibo e Vino della Ca’ Foscari e dallo IUAV di Venezia.

    http://www.economiaitaliana.it/it/articolo.php?LT=PRIMA&ID=7756