• Da “Mountain Blog”

    TRA LE DOLOMITI, LA CUCINA SI FA ARTE

    A giugno, trasferta ampezzana per “Colortaste”

    Colortaste, la cucina si fa arte arriva a Cortina d’Ampezzo (BL), all’ombra delle Dolomiti dopo il taglio di nastro milanese e il lancio bolognese durante Arte Fiera 2013. Una tappa in alta quota per l’originale mostra fotografica di Alfonso Catalano che ha coinvolto 14 chef stellati Michelin nella preparazione di piatti ispirati alla pittura astratta del ‘900, facendo disporre ad arte gli ingredienti – i colori – su un piano – la tela – trasparente.
    L’evento inaugura la stagione estiva della Regina delle Dolomiti unendo arte ed enogastronomia, con insoliti quadri da “mangiare con gli occhi”. L’appuntamento è a metà giugno, quando a Cortina sarà di scena la seconda edizione di Gusto Cortina, kermesse wine, food & travel: l’esposizione coinvolgerà l’intero territorio entrando nelle sale dei migliori rifugi e ristoranti ampezzani e sarà un vero e proprio work in progress. Graziano Prest, unico chef stellato Michelin a Cortina, patron del Ristorante Tivoli, sarà immortalato da Catalano grazie a un originale shoot-cooking, che unisce lo showcooking al live shooting.
    Le opere di Alfonso Catalano, dunque, si diffonderanno a valle e in alta quota e saranno la quinta scenografica di un calendario collaterale di show cooking ed eventi off tutti da gustare.
    Una scelta non casuale, quella della prima tappa di un tour destinato a proseguire. Cortina, infatti, è da sempre crocevia di tradizioni culturali e gastronomiche, in essa convivono le usanze del Veneto e sapori del Tirolo. Colortaste sarà anche l’occasione per valorizzare l’eccellenza della cucina locale, diversificata – dallo stellato Ristorante Tivoli a ristoranti di grande qualità in pieno centro, a malghe, agriturismi e rifugi d’alta quota – ma sempre di alta qualità. Insomma, un modo gustoso per assaggiare tutto il sapore della montagna.
    Il percorso espositivo si compone di immagini di grande formato dedicate ai lavori “pittorici” realizzati dagli chef a cui si aggiungono gli scatti di backstage che raccontano il making of del lavoro, oltre ad alcuni ritratti dei celebri cuochi. Quello di Alfonso Catalano è stato un viaggio fotografico in Italia da Roma alla Costiera Amalfitana, da Pistoia a Bolzano, da Senigallia a Milano: il risultato è un catalogo della capacità pittorica dei cuochi quali artisti tout-court che trascendono la sfera gastronomica. La tecnica fotografica utilizzata è determinante per trasformare il piatto in un’installazione artistica, rendendo impercettibile la dimensione propriamente culinaria. La “tela” è costituita da una lastra bianca traslucida retro-illuminata capace di creare suggestivi effetti di trasparenza, in contrasto con i colori accesi degli ingredienti e delle salse.
    http://www.mountainblog.it/ctra-le-dolomiti-la-cucina-si-fa-arte-a-giugno-trasferta-ampezzana-per-colortaste/