• Speri Viticoltori

    speri

    Speri Viticoltori è una delle realtà di riferimento nel panorama enologico nazionale: pioniera nel vigneto con i primi terrazzamenti e l’introduzione della pergoletta aperta e nelle tecniche di vinificazione, la famiglia Speri, giunta oggi alla quinta generazione di viticoltori, controlla ogni fase della produzione seguendo i dettami dell’agricoltura sostenibile ed è prossima alla certificazione biologica (a partire dalla vendemmia 2014).
    Negli anni ’50 i fratelli Speri sono fra i primi a produrre l’Amarone e, ancora, già negli anni ‘70 iniziano la vinificazione separata delle uve provenienti dai singoli appezzamenti, dando vita ai primi Cru.
    I vini Speri, interpreti autentici del terroir di provenienza e delle varietà autoctone, si distinguono per eleganza e classicità, naturalezza e freschezza, e raccontano una storia di emozioni, profumi e sapori tutti da scoprire. Massima espressione della produzione Speri è l’Amarone Monte Sant’Urbano, un vino di grande complessità e vigorosa struttura, ottenuto con le migliori uve del vigneto Monte Sant’Urbano lasciate appassire per un lungo periodo (3/4 mesi a seconda dell’annata) prima della vinificazione.
    Troviamo poi il Valpolicella Classico Superiore Ripasso, vinificato ripassando una piccola
    quantità di vinacce di Amarone per una sola volta. Un vino elegante, autentico interprete del territorio, che mostra una bella complessità di aromi fruttati e toni speziati, ben supportati da una buona acidità e un giusto tenore alcolico.
    Non ultimo, il Valpolicella Classico Superiore Vigneto Sant’Urbano, prodotto sin dagli anni ‘80, ottenuto dalle uve del vigneto Monte Sant’Urbano: dopo un’accurata selezione le uve vengono appassite per 20-25 giorni circa, favorendo ricchezza dei profumi e morbidezza, che trovano perfetto equilibrio dopo circa due anni di invecchiamento.
    Oggi Speri Viticoltori possiede oltre 50 ettari di vigneti nella Valpolicella Classica e distribuisce i propri vini (350.000 bottiglie nel 2012) in più di 40 paesi.